Stampa la ricetta

Lattughe, Cenci, Frappe…

Febbraio 14, 2020

Questi dolcetti fritti, tipici del carnevale, vengono preparati in molte regioni italiane, noi li chiamiamo lattughe ma vengono detti anche cenci, chiacchere, frappe, bugie… possono avere forme o aromi diversi, ma sono sempre friabili e piuttosto sottili. Mia nonna amava aggiungere nell’impasto delle lattughe 3 o 4 mentine frantumate, altri preferiscono mettere il succo di un’arancia o un bicchiere di vino bianco.

In famiglia preferiamo gustare le lattughe dal giorno dopo la loro preparazione, sono più buone e sanno meno di fritto, chiuse in grandi contenitori sono buonissime per almeno un paio di settimane.

In passato, fino agli anni ’80, bambini mascherati sfilavano per le vie dei paesi e suonavano alle porte per ricevere lattughe o altri dolci tipici del carnevale.

Lattughe, Cenci, Frappe...

"Lattughe, Cenci, Frappe..." squisiti dolci fritti tipici del carnevale, un po' impegnativi, ma semplici da fare. Si conservano per alcune settimane in contenitori ben chiusi.
Preparazione30 min
Portata: Dessert
Cucina: Italiana
Keyword: dessert
Porzioni: 20 porzioni
Calorie:

Ingredienti

  • 500 gr Farina 00
  • 1 Uovo + 1 Albume
  • 1 bicchiere Cognac
  • 2 cucchiai Zucchero
  • 1 Scorza Grattugiata di un Limone
  • 1 litro Olio di Arachide

Istruzioni

  • Amalgamate bene tutti gli ingredienti e lasciate riposare per 10 minuti.
  • Tagliate a fette la pasta e passatela nell'apposita macchina iniziando dallo spessore più alto. Ripiegate su se stesse le strisce ottenute sempre dalla stessa parte e ripassatele più volte nella macchina sino a giungere al penultimo spessore, ungendo almeno una volta la pasta con un po’ di burro.
  • Con il rullino dividete in tanti pezzi, praticate due taglietti trasversali vicino a due angoli opposti e rigirate dentro le punte.
  • Fate scaldare l’olio in una padella grande, friggete le lattughe da ambo le parti sino a quando sono ben dorate, scolate e adagiatele su carta assorbente. Quando sono fredde se volete potete spoverarle con zucchero a velo.
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating