Stampa la ricetta

Copulette Sarde

23 Novembre, 2019

Le copulette sarde (is pastissus) sono tipici dessert composti da un involucro sottile di pasta di semola senza uova che racchiude uno squisito ripieno a base di mandorle.

Le copulette sarde sono dolci straordinari che per tradizione si preparano in occasione di matrimoni e battesimi, a scopo augurale.

Le copulette sarde più famose sono quelle di Ozieri (Sassari), ma sono diffuse anche in altre località della provincia di Sassari, ognuna fiera della sua specifica ricetta

Copulette Sarde

La ricetta delle copulette sarde è da sperimentare assolutamente, un trionfo di sapori e contrastanti consistenze dal successo è assicurato
Preparazione20 min
Cottura15 min
Cucina: Italiana
Keyword: dessert, dolci
Porzioni: 7 persone

Ingredienti

  • 125 gr Semola
  • 40 gr Acqua
  • 20 gr Strutto (o Olio)
  • 15 gr Zucchero

Ingredienti Ripieno

  • 200 gr Mandorle Pelate e Tostate
  • 4 Mandorle Amare (facoltativo)
  • 50 gr Zucchero
  • 1 Albume
  • 1 Scorza di Limone

Ingredienti Copertura

  • Glassa o Zucchero a Velo (facoltativi)

Istruzioni

  • Amalgamate tutti gli ingredienti della pasta violada, fate un panetto avvolgetelo nella pellicola trasparente e lasciate riposare per 10 minuti in freezer.
  • Sbattete a neve gli albumi con lo zucchero e la scorza di limone tritata fine, incorporate le mandorle frullate.
  • Stendete una sfoglia sottile (2 mm), ritagliate delle forme per rivestire i vostri stampi (noi abbiamo ritagliato degli ovali (12x9 cm) senza ungerli, riempiteli con il ripieno preparato, ricopriteli con una sfoglia di pasta violada. Se preferite ricoprirli con glassa evitate di stendere la sfoglia.
  • Infornate a 170° per 15 minuti, sistemateli in un piatto ancora caldi e spolverateli se volete con zucchero a velo (facoltativo).

Consiglio

  • La tradizione vuole le copulette sarde ricoperte con glassa (1 albume mischiato con 150 g di zucchero a velo), rimettete nel forno ancora caldo 10 minuti per far asciugare la glassa. Noi abbiamo preferito evitare la glassa per motivi salutari.
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *